lunedì 11 marzo 2013

Sulle catene di librerie in via di estinzione

A Bologna molte librerie locali vengono gradualmente fagocitate dalle catene. Feltrinelli che compra la piccola Rizzoli del pavaglione, MEL che compra Nannucci e poi diventa IBS.it... In questo momento sono a San Francisco. L'ultima volta che sono stato qui è stato 5 anni fa. E c'erano un Borders su Union Square, la piazza più centrale e commerciale della città, e un Barnes and Noble in Fisherman's Wharf, verso la costa che da su Alcatraz oltre a diverse piccole librerie in giro che stavano cercando di sopravvivere. E in soli 5 anni è successo l'irreparabile. Prima l'avvento delle catene ha ucciso molte delle librerie. Poi l'avvento dei libri elettronici ha fatto prima fallire Borders (che ora è stata sostituita da una delle tante catene di negozi di abbigliamento di lusso), mentre B&N è morto solo in centro a SF, per tenere aperto nelle varie periferie. Insomma, una città tra le più importanti al mondo SENZA una libreria centrale... 
Di piccole librerie ce ne sono 2-3 ma bisogna sapere esattamente dove andare. La catena di librerie più vicina è a 15 km dal centro. Raggiungibile si, con i mezzi pubblici... ma non è in centro. E la colpa è stata data pesantemente ai libri digitalie e alla consegna a domicilio di amazon... Secondo me il problema va molto più a fondo di così, ma non è argomento di oggi... 
Vado a godermi il sole di un pomeriggio primaverile nella Fog City (che, sia chiaro, non amo come città, ma ha una temperatura più che accettabile al momento [20° circa] e questo fa sì che le perdoni molti degli aspetti che non mi piacciono [barboni, sporcizia, ...])